Cambiamenti climatici, sicurezza alimentare, conflitti e migrazioni Quali finanziamenti per l'agenda ONU 2030?

Dove:   Federazione Nazionale della Stampa Italiana - Corso Vittorio Emanuele II n.349 - Roma

Quando:   Venerdì 16 Dicembre 2016 orario 9.00-15.00

Roma, 7 dicembre - Le  migrazioni verso l’Europa, la crisi economica, le guerre, i cambiamenti climatici: difficile oramai ignorare che esista un filo rosso che unisce saldamente tutti questi fenomeni.

Partendo dalla comprensione dell’impatto che le politiche dei governi hanno sulla vita delle persone, dalla convinzione ormai consolidata che la crescita economica non è da sola sufficiente a salvare quanti quotidianamente  rischiano la morte per fame, venerdì 16 dicembre presso La Federazione Nazionale della Stampa, esperti di alto livello nazionali e internazionali, discuteranno delle nuove strategie per lo sviluppo con un occhio all’Agenda ONU 2030 e l’altro alla questioni finanziarie.

L'agenda 2030 infatti promette un futuro migliore e radicalmente diverso agli abitanti delle zone rurali e più povere della Terra. Per fare diventare le promesse realtà servono investimenti e politiche adeguate che coinvolgano governi, istituzioni e settore privato. Chi e come paga per lo sviluppo internazionale? L’ex ministro dell’economia e della Finanza Vittorio Grilli, così come giornalisti, esperti e dirigenti del Fondo internazionale ONU per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), interverranno tentando di dare una risposta. Nella convinzione che la crescita economica internazionale, per portare ad una riduzione globale della povertà,  debba necessariamente andare di pari passo ad interventi mirati in diversi campi come l’ occupazione, la gestione dei diritti sulla terra, l’accesso a servizi finanziari, le pari opportunità.

Venerdì 16 dicembre 2016  ore 9.00-15.00 FNSI, Corso Vittorio Emanuele II n° 349.

L’iniziativa è organizzata dall’Associazione Stampa Romana in collaborazione con l’IFAD e darà diritto ai giornalisti che vi parteciperanno a  6 crediti formativi all’interno della formazione continua obbligatoria.

Per partecipare all’evento è indispensabile iscriversi. L’iscrizione all’evento è possibile solo attraverso la piattaforma S.I.Ge.F entro e non oltre mercoledì 14 dicembre – cercando l’evento sul box “Corsi Enti Terzi”.

Per chi risultasse in lista d’attesa sulla piattaforma: poiché purtroppo può accadere che giornalisti iscritti all’evento non si presentino senza aver cancellato la loro iscrizione sulla S.I.Ge.F, è possibile che la mattina dell’evento restino posti disponibili. Una volta entrati gli iscritti, tali posti liberi potranno essere assegnati a coloro che risultano in lista d’attesa.  

Invito ai media No.: IFAD/06/2016

L’IFAD investe sulle popolazioni rurali, mettendole in condizione di ridurre la povertà, aumentare la sicurezza alimentare, migliorare la qualità dell’alimentazione e rafforzare la loro capacità di resilienza. Dal 1978, abbiamo investito circa 18 miliardi di dollari in donazioni e prestiti a tassi agevolati per finanziare progetti di cui hanno beneficiato circa 462 milioni di persone. L’IFAD è un’istituzione finanziaria internazionale e un’agenzia specializzata delle Nazioni Unite con sede a Roma – il polo delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura.