I paesi membri presenteranno i candidati alla carica di prossimo presidente dell’IFAD

Roma, 27 settembre 2016 – Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD), istituzione finanziaria internazionale e agenzia specializzata delle Nazioni Unite, ha annunciato oggi di aver chiesto ai suoi 176 stati membri di presentare i candidati alla carica di prossimo presidente del Fondo.

Quella di presidente è la carica più alta dell’IFAD e comporta la responsabilità di guidare l’organizzazione e presiederne il consiglio di amministrazione. Le candidature per il posto di presidente possono essere proposte solo dai paesi membri dell’IFAD e devono essere presentate al segretario dell’IFAD entro e non oltre il 1° dicembre 2016.

Il prossimo presidente dell’IFAD assumerà la guida del Fondo in un momento in cui promuovere gli investimenti nell’agricoltura familiare sarà essenziale per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile di eliminare la povertà e la fame. Infatti, in un mondo in rapido cambiamento, caratterizzato da una domanda sempre crescente di alimenti, da flussi migratori verso le città in continuo aumento e dalle conseguenze del cambiamento climatico e del degrado ambientale, gli investimenti dell’IFAD nelle aree rurali dei paesi in via di sviluppo non sono mai stati così importanti e pertinenti.

Una volta completata la presentazione delle candidature, la designazione del nuovo presidente avverrà il 14 febbraio 2017 a Roma, durante l’incontro annuale del Consiglio dei Governatori dell’IFAD. Il Consiglio dei Governatori è il più alto organo di governo dell’IFAD, con pieni poteri decisionali.

Il presidente dell’IFAD rimane in carica per quattro anni, e l’incarico è rinnovabile una volta.

Il nuovo presidente eletto prenderà servizio il 1° aprile 2017.

Maggiori informazioni sulle procedure di candidatura e nomina del presidente si possono trovare sul sito dell’IFAD: https://www.ifad.org/who/president/tags/2109081

Note per i giornalisti:

Il primo presidente dell’IFAD, Abdelmuhsin M. Al-Sudeary, del Regno dell’Arabia Saudita, è stato nominato nel 1977. Nel novembre del 1984, l’IFAD ha eletto il suo secondo presidente, Idriss Jazairy, della Repubblica Democratica Popolare di Algeria. Il terzo presidente, Fawzi Al-Sultan, dello Stato del Kuwait, è stato nominato nel gennaio del 1993 e Lennart Båge, del Regno di Svezia, ha coperto l’incarico di presidente dell’IFAD dal 2001 al 2009. Kanayo F. Nwanze, della Repubblica Federale della Nigeria, è stato eletto nel febbraio del 2009 e completerà il suo secondo mandato il 31 marzo 2017.

Comunicato stampa No.: IFAD/59/2016

L' IFAD investe sulle popolazioni rurali consentendo loro di  ridurre la povertà, aumentare la sicurezza alimentare, migliorare i livelli nutrizionali e rafforzare la resilienza. Dal 1978 sono stati investiti 18 miliardi di dollari in donazioni e prestiti a tassi agevolati per finanziare progetti di cui hanno beneficiato circa 462 milioni di persone. L'IFAD è un'istituzione finanziaria internazionale e un' agenzia specializzata delle Nazioni Unite con sede a Roma – il polo delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura.