Sicurezza alimentare e Covid-19, come proteggere le filiere?

IFAD Asset Request Portlet

Asset Publisher

Sicurezza alimentare e Covid-19, come proteggere le filiere?

La vice Ministra degli Esteri Emanuela Del Re ed esperti italiani e internazionali ne discutono in un seminario online aperto ai giornalisti

Roma, 1 dicembre. Secondo l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) l'impatto economico negativo della pandemia da Covid-19 durerà anni. Le ripercussioni nel settore alimentare sono gravi, a soffrirne tutte le filiere che vuol dire gli agricoltori, i sistemi di stoccaggio e di trasformazione del cibo, i trasporti. In un momento come questo è ancora più lampante come la sicurezza alimentare rappresenti una condizione indispensabile per tutti e quanto sia fondamentale il ruolo di agenzie internazionali come il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD).

Cosa sta facendo il Governo italiano per la sicurezza alimentare come condizione mondiale? Come lavorano assieme Italia e realtà internazionali? Come sostenere i sistemi agricoli e aiutare le filiere produttive ad adattarsi alle emergenze? Cos’è il food divide? Sono alcune delle domande a cui darà risposta il webinar “La Sicurezza alimentare durante l’emergenza Covid-19, quali sono i passi compiuti dall’Italia e dalle istituzioni internazionali?”.

Il webinar si terrà il giorno 4 dicembre 2020, ore 10.00-13.00.

Relatori:

  • Emanuela Claudia Del Re, Viceministra per gli Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale
  • Luis Jiménez-McInnis, Segretario, IFAD
  • Andrea Segré, professore all’Università di Bologna, fondatore della campagna Spreco Zero e di Waste Watcher, l’Osservatorio nazionale sugli sprechi e l’economia circolare
  • Paolo Silveri, Lead Regional Economist, Divisione America Latina e Caraibi, IFAD

Coordina Maria Cuffaro, giornalista Rai tg3.

Per partecipare al webinar si invitano gli interessati a mandare una mail entro e non oltre il giorno 3 dicembre alle ore 14.00IFADNewsroom@ifad.org.

E’ indispensabile indicare nell’email nome, cognome e indirizzo di posta elettronica a cui si vuole ricevere l’invito

 

MA 10/2020